SINDEL, BERTONE E MAYERHOFER DA 9A - Up-Climbing

SINDEL, BERTONE E MAYERHOFER DA 9A

HOT LINE DELLA SETTIMANA

Pepa Sindel, Max Bertone e Lukas Mayerhofer riescono sui loro progetti da 9a. 

Il caldo sembra non impensierire minimamente i top climber europei, che continuano a stanare tiri estremi nonostante le alte temperature. Se si vanno poi a vedere le “young gun“, le condizioni spaventano ancora meno!

Pepa Sindel, fortissimo scalatore di appena quindici anni, ha aggiunto un altro bel 9a al suo corposo curriculum, ricco di tiri estremi nonostante la giovane età. In Frankenjura, il giovanissimo climber ha salito Sever the wicked hand, il famoso 9a. Per Pepa si tratta di un altro bel tiro, ma nulla in confronto al primo 9a+ in carriera, salito meno di un anno fa!

Dalla Francia con furore, Max Bertone ha preso una pausa post TAB e si è dedicato alla roccia. Dopo aver risolto TCT (9a a Gravere) in appena tre giri, il giovane fratello d’arte ha salito un altro classico nono grado nella zona francese più vicina all’Italia. Nella mitica falesia in centro a La Roche da rame, Max ha salito prima La proue débridée (8c+) e poi la versione più dura: Redoublement d’effort. La sua percezione è che questo 9a sia un po’ più duro di TCT e, sicuramente, è la via che l’ha messo più alle strette sul piano mentale. 

Il boulderista Lukas Mayerhofer ha indossato l’imbrago ed ha scoperto di essere comunque fortissimo. In Frankenfels, ha liberato un tiro che aspettava una salita dal 2006. Per questo capolavoro dell’alta difficoltà Lukas propone il 9a pieno, insieme al nome Generation Z

Fonte pagina Instagram degli atleti e sito 8a.nu

Cortesia foto Max Bertone 

Alessandro Palma 

Condividi: