CAMPIONATO ITALIANO: RANDI E BALESTRAZZI ORO - Up-Climbing

CAMPIONATO ITALIANO: RANDI E BALESTRAZZI ORO

I RISULTATI DELLA SPEED

Reggio Emilia: Giulia Randi e Daniele Balestrazzi sono i nuovi campioni italiani speed per la stagione 2024.

Alle porte dell’ultima prova di qualifica olimpica, che andrà in scena a Budapest nel weekend e che insieme a Shanghai decreterà gli ultimi partecipanti ai giochi di Parigi, i migliori sprinter del panorama italiano si sono ritrovati a Reggio Emilia per contendersi i titoli di campionessa e campione italiano 2024. Dopo i titoli assegnati nel boulder ed in attesa di quelli che verranno assegnati nella lead, la speed è quasi alla fine della stagione nazionale e il livello è più alto che mai. Il 2023 ha visto l’Italia sul gradino più alto del podio ai campionati del mondo, grazie alla magnifica prova di Matteo Zurloni e il 2024 sembra essere altrettanto travolgente. Per la prima volta un atleta è sceso sotti i mitici cinque secondi ed in campo internazionale i risultati sono stati ottimi. Avanti tutta su Budapest!

In campo femminile, il duo Randi Colli non si è smentito neanche questa volta. Le due teste di serie hanno spinto sull’acceleratore per tutto l’evento, tirandosi a lustro per la gara di Budapest. Sebbene Beatrice Colli (G. S. Fiamme Oro) sia l’unica scesa sotto i sette secondi in gara, un errore la elimina ai quarti. Giulia Randi (C. S. Esercito) firma un 7.25 in finale e si porta a casa la medaglia d’oro, imponendosi sulla giovanissima Alessia Lugli (Equilibrium) che si aggiudica il titolo di vicecampionessa italiana. Sara Strocchi (Istrice) vince lo scontro diretto nella finalina con Agnese Fiorio (Arco Climbing) e conclude la lista delle medaglie. Escono ai quarti Beatrice Colli, Alice Marcelli (Ragni di Lecco), Arianna Mortarino (Milanoarrampicata) ed Emma Campa (Rock Dreams). 

Nel comparto maschile è il diciottenne Daniele Balestrazzi (Equilibrium) ad imporsi su tutta la concorrenza, vincendo il suo primo titolo di campione italiano assoluto. Alle sue spalle, il veterano classe ‘94 Alessandro Boulos (Gruppo Rocciatori Piaz) si aggiudica la medaglia d’argento. La finalina vede due grandi nomi sfidarsi in uno scontro diretto di altissimo livello: Marco Rontini (C. S. Esercito), firma un ottimo 5.37, che però non basta contro l’iridato Matteo Zurloni (G. S. Fiamme Oro): 5.04 e medaglia di bronzo per lui. Escono ai quarti Samuele Graziani (On Sight), Francesco Govoni (Equilibrium), Ludovico Fossali (C. S. Esercito) e Gian Luca Zodda (G. S. Fiamme Oro).

Fonte FASI

Cortesia foto OutThere Collective per FASI

Alessandro Palma

Condividi: