Kilimanjaro 2022 - Up-Climbing

Kilimanjaro 2022

Il vertical, la maratona e l’ultramaratona più alti del mondo si terranno sul monte Kilimangiaro, in Tanzania, il 9 maggio 2022.

Il Monte Kilimangiaro in Tanzania è la montagna isolata più alta del mondo, culminante a 5.895 m sull’Uhuru Peak. Vulcano dormiente, è il più alto dell’Africa e dell’emisfero orientale.

Le gare, riconosciute dalla International Skyrunning Federation, sono organizzate da World’s Highest Marathon di proprietà di EP Global Events Limited. Dopo una settimana di acclimatamento, i partecipanti affronteranno una, due o tutte e tre le gare l’ultimo giorno. L’evento ha inizio a 4.895 m con il chilometro verticale più alto del mondo, 3,5 km con 1.000 m di dislivello fino alla vetta dell’Uhuru Peak, 5.895 m. Da qui, coloro che tenteranno la maratona più alta del mondo continueranno in discesa. La distanza totale (compreso il Vertical Kilometer) ammonta a 42,2 km con 1.836 m di dislivello. Dopo aver corso il chilometro verticale e la maratona più alta del mondo, coloro che mirano all’ultramaratona più alta del mondo proseguiranno per altri 11,4 km, concludendo dopo 53,6 km. La discesa totale di questa gara è di 4.800 m. Questa è la prima volta nella storia della corsa in montagna che un tentativo così arduo avrà luogo a questa quota.

«Gli effetti dell’altitudine fino a 5.895 m, la gola, le gambe ei polmoni iniziano a fare le valigie e ad abbandonarti. Gli effetti dell’aria fredda, della polvere, della mancanza di ossigeno e di tutti gli elementi tipici del clima di montagna aggiungono improvvisamente un altro livello di sfida in cima» commenta Dave Pickles, co-fondatore e co-direttore di World’s Highest Marathon. «Questo evento sarà davvero straordinario, non solo batterà record mondiali, ma sarà anche il primo del suo genere ufficialmente approvato e riconosciuto dalle autorità del Parco Nazionale della Tanzania e del Kilimangiaro, dal Ministro del Turismo e dalla International Skyrunning Federation. La gente del posto ne trarrà beneficio dal punto di vista socio-economico grazie all’impiego diretto di personale locale e raccoglieremo anche tutti i rifiuti che troviamo sulla strada per preservare la bellezza naturale della montagna. È un vero piacere e un onore essere ospitato da un Paese così grande e dal popolo della Tanzania».

Rob Edmond, co-fondatore e co-direttore della World’s Highest Marathon, ha dichiarato: «Questo sarà un evento come nessun altro e vedrà corridori esperti di livello mondiale sentire il morso dell’altitudine estrema, mentre corrono su e giù per il Kilimangiaro. Non bisogna illudersi che sarà facile, nemmeno per i corridori più esperti. Correre fino a 5.895 m in un chilometro verticale e poi aggiungere una Ultra Marathon farà sicuramente diradare il campo e mostrerà chi ha le carte in regola per essere un detentore del record mondiale. Completare il percorso è l’obiettivo e, indipendentemente dalla vittoria, sarà semplicemente incredibile per tutti i finishers. Siamo lieti di aver collaborato con l’International Skyrunning Federation e non vediamo l’ora di organizzare molti altri incredibili eventi da record mondiali con loro».

Oltre a riconoscere gli eventi, l’ISF ha assegnato alle tre gare l’etichetta Certified Course che si basa su una serie di parametri di skyrunning, insieme ai dati del percorso GPX e un algoritmo esclusivo.

È stata effettuata un’ulteriore analisi, sempre implementando un algoritmo unico, per fornire i tempi di arrivo previsti e il consumo calorico per tre categorie: principiante, intermedio e miglior prestazione (maschile e femminile) per ogni gara. Questo consentirà agli atleti di concentrarsi sulla gara e servirà anche come misura di sicurezza per il personale di supporto.

Un’opzione aperta a tutti i partecipanti è il piano #MYSKYRACE che fornisce un tempo di fine previsto personalizzato, incluso il consumo calorico, l’indice di massa corporea e il confronto del livello di prestazione per scoprire in anticipo il loro vero livello di forma fisica.

Marino Giacometti, presidente ISF, ha commentato: «Consideriamo questa come un’opportunità per sottolineare il nostro patrimonio d’alta quota. Siamo orgogliosi di essere coinvolti nei tentativi della maratona più alta del mondo e, per la prima volta, non solo di supportare gli eventi, ma di applicare contemporaneamente il nostro CC Label, l’analisi di categoria e il piano #MYSKYRACE, promuovendo il concetto con i nostro membri e atleti e sulla piattaforma degli organizzatori».

Per maggiori info e per partecipare alle gare vedere qui.

Condividi: