Dolomites Vertical Canazei - Up-Climbing

Dolomites Vertical Canazei

Ci ha preso gusto Philip Gotsch. Dopo il successo dello scorso anno, il primo in Val di Fassa, il portacolori del Bogn Da Nia ha concesso il bis, vincendo a mani basse la nona edizione del Dolomites Vertical Kilometer, e anche questa volta ha raggiunto il risultato, per non farsi mancare nulla, polverizzando il record della gara, valida per il circuito Skyrunner World Series con 300 atleti in gara.
Un anno fa il meranese mise in ombra il 32’43” di Kilian Burgada con il suo 32’38”, che ha resistito appena un anno, dato che stavolta è arrivato al traguardo di Crepa Neigra in 31’34”, oltre un minuto in meno del 2015.Gli avversari hanno capito subito che avrebbero dovuto disputarsi le posizioni dalla seconda in poi, così la lotta per l’argento lungo i 2.400 metri del tracciato (1.015 i metri di dislivello), si è risolta in un derby fra i due atleti de La Sportiva Nejc Kuhar, primo nel 2012 e secondo nel 2011 e nel 2014, e Hannes Perkmann,il giovane atleta di Sarentino sempre più lanciato verso i vetrici della disciplina.
Altri tre runner de La Sportiva si sono piazzati nelle posizioni comprese fra la quinta e la settima, ovvero l’ex ciclista di Roncone Patrik Facchini, il cuneese Marco Moletto e lo sloveno Luka Kovacic. Nella gara femminile ha vinto la favorita Laura Orgu‚ Vila, catalana del Team Salomon di casa alla Dolomites Skyrace.
La bresciana di Temù Valentina Belotti (La Sportiva) è andata a prendersi il secondo posto a 35 secondi dalla vincitrice, dopo averla tallonata fino a pochi metri dalla Forcella, e chiudendo con altrettanti secondi sulla terza, la compagna di squadra bellunese Francesca Rossi. Un passo sotto al podio si è fermata la splendida corsa della fiemmese Beatrice Deflorian.

Credit altoadige

classifiche

Condividi: