MILLET TOUR DU RUTOR EXTRÊME – PRIMA TAPPA - Up-Climbing

MILLET TOUR DU RUTOR EXTRÊME – PRIMA TAPPA

Doppietta francese sul il tracciato inaugurale del 1933

La prima tappa della Millet Tour du Rutor Extrême si è svolta oggi sulle nevi del Rutor.

La super classica valdostana, valevole come unica tappa italiana di La Grande Course e finale di Coppa Italia Fisi, parte nel segno dei vincitori di Pierra Menta Xavier Gachet – William Bon Mardion al maschile e da quello composto dalle cugine Lorna – Lena Bonnel al femminile.

La più tecnica delle gare scialpinistiche italiane ha confermato la propria fama proponendo nella giornata d’esordio un “garone” da 25 km (2400 m D+ e 2206 m di tecnicissima discesa) con passaggio ai 3486 m della Testa del Rutor.

Prima squadra maschile. Foto Maurizio Torri

Grazie a delle condizioni meteo favorevoli, i tracciatori coordinati dalle guide alpine Marco Camandona e Roger Bovard hanno potuto mandare in scena un’epica traversata con partenza dalle piste di La Thuile e arrivo a Valgrisenche.

Ricalcando il tracciato inaugurale del 1933, le 165 squadre accreditate hanno portato a termine una spettacolare cavalcata a fil di cielo su uno dei ghiacciai più imponenti delle alpi.

Confermando uno stato di forma invidiabile, i due atleti di Arêches Beaufort William Bon Mardion e Xavier Gachet hanno tenuto la testa della corsa imponendo il proprio ritmo ai diretti avversari. Il distacco registrato al GPM della gara, posto sulla cima della Testa del Rutor, è rimasto tale al traguardo di Valgrisenche. Stoppando il cronometro sul tempo di 2h33’51”, i due francesi hanno vinto la prima tappa e rifilato 1’26” agli iridati long distance Robert Antonioli – Mathéo Jacquemoud. Terza piazza per la coppia Sci Club Corrado Gex composta da William Boffelli – Nadir Maguet (+8’16”). Completano la top five di giornata Julien Ancay -Julien Beranz e Aurelien Dunand Pallaz – Julien Michelon. Da segnalare in gara la presenza di diversi fuoriclasse del trail running quali il sopracitato Aurelien Dunand Pallaz, ma anche del 4 volte vincitore dell’UTMB Francois D’Haene (oggi 7° al fianco dello skyrunner Alexis Sevennec) e Germain Granger, solo per citarne alcuni.

Prima squadra femminile. Foto Maurizio Torri

Subito molto più definito il ranking in rosa con le super favorite dei pronostici Lorna e Lena Bonnel che hanno preso il largo chiudendo la tappa in 3h12’31”. Seconda piazza di giornata per le talentuose Claudia Boffelli – Lisa Moreschini (3h20’18”) e terza per le due nazionali polacche Anna Tybor – Iwona Januszyk che hanno accusato un ritardo di 20’48” dalle vincitrici. Bene anche il team franco americano di Anne Lisa Desjacques – Kelly Wolf, quarte classificate, e quello “Made in VdA” composto da Gloriana Pellissier e sua figlia Noemi Junod, quinte.

Domani è prevista l’usuale tappa della Valgrisenche, che porterà gli atleti sul Mont Arp Vieille. Rispetto a quella d’esordio, sarà una prova più moderna e nervosa con tante salite, discese, canalini, cambi d’assetto e tratti alpinistici in cresta. Tutti gli ingredienti per una grande e memorabile giornata in vero stile La Grande Course.

Domani scenderanno in campo anche gli atleti delle categorie giovani che gareggeranno su tracciati loro dedicati; meno lunghi ma non per questo meno spettacolari.

Per maggiori informazioni e programma dettagliato: www.tourdurutor.com

In copertina: foto Stefano Jeantet.

Condividi: