SKYMARATHON SENTIERO 4 LUGLIO 2023 - Up-Climbing

SKYMARATHON SENTIERO 4 LUGLIO 2023

Nadir Maguet sigla il nuovo record

Passerà alla storia l’edizione 2023 della Skymarathon Sentiero 4 Luglio: Nadir Maguet ha finalmente battuto il record di Mario Poletti che resisteva da vent’anni.

Ieri, domenica 3 luglio, la stella valdostana del Team La Sportiva, alla sua prima esperienza su questo tracciato, ha domato i tecnicissimi 42 km (2700 m D+) della Skymarathon Sentiero 4 Luglio.

Resiste invece il record femminile di Emanuela Brizio del 2005 (5h11’05”). La vincitrice Chiara Giovando ha infatti fermato il cronometro sul tempo di 5h33’57”.

Il comitato organizzatore presieduto da Tom Bernardi ha schierato ai nastri di partenza i migliori skyrunner italiani attualmente in circolazione. Nadir Maguet ha subito palesato il proprio obiettivo: provare ad abbattere un primato cronometrico che nel mondo dei “corridori del cielo” era diventato leggendario. Missione compiuta: con una cavalcata trionfale dal primo all’ultimo metro Maguet ha stampato un 4h03’01” che ha migliorato di 5’23” un record per anni imbattibile. Sul podio con lui il friulano Tadei Pivk (4h19’55”) e William Boffelli (4h20’10”). Nei primi cinque anche il bronzo mondiale di trail running Luca Del Pero (4h24’19”) e il giovane azzurro di skialp Alessandro Rossi che, all’esordio sulla distanza ha impressionato tutti per piazzamento e crono (4h24’50”).

Al femminile tutte dietro l’azzurra di trail Chiara Giovando. Per lei finish time di 5h33’57” che le ha permesso di tenere dietro Roberta Jacquin (5h41’29”) e Giulia Saggin (5h42’20”). Bene pure Elisa Pallini quarta in 06h02’16” e Michela Foresti quinta in 6h15’43”.

Non solo skymarathon: l’evento camuno powered by Crazy ha visto sfide di livello anche sulla 21 km con successo di Elvis Kipkoech in 1h59’10” su Mutwiri Japhet Mwenda e sul bergamasco Lorenzo Rota Martir. Al femminile Monica Vagni (2h43’30”) ha invece messo dietro Chiara Regis e Cristina Germozzi. Festa grande tra le vie del centro anche per i giovani mini skyrunner, un centinaio, che hanno dato vista a delle sfide a dir poco combattute prima di fermarsi ad accogliere i vincitori delle distanze maggiori.

Chiusa la 26ª edizione con una spettacolare giornata di sole che ha regalato ad atleti e pubblico emozioni uniche e scorci mozzafiato, l’appuntamento 2024 con la super classica camuna è sempre per la prima domenica di luglio.

MR da comunicato stampa. In copertina: foto Maurizio Torri.

Condividi: