SPRINT RACE A PONTE DI LEGNO - Up-Climbing

SPRINT RACE A PONTE DI LEGNO

Perillat-Pessey ottiene la prima vittoria della sua carriera in Coppa del Mondo

Venerdì 16 dicembre, a Ponte di Legno, Arno Lietha ha vinto la sua seconda gara sprint consecutiva. Célia Perillat-Pessey ha vinto la gara femminile.

Nubi basse, pioggia e orario notturno hanno reso spettacolare la seconda gara sprint della stagione WÜRTH MODYF ISMF World Cup – Coppa del Mondo scialpinismo 2022/23. Una gara che ha visto alcune difficoltà tecniche per alcuni atleti e cadute in quasi tutte le manche a eliminazione. La neve bagnata è stata un problema per le pelli e un salto poco prima del traguardo, seguito da una brusca curva, ha rimescolato le carte tante volte dall’inizio delle qualificazioni.

La gara cambiava di secondo in secondo e per questo Emily Harrop non è arrivata in finale e Giulia Murada ha mancato il trionfo a pochi metri dal traguardo. Insomma, la sprint di Ponte di Legno ha regalato ancora una volta un vero spettacolo.

Marianna Jagerčíková della Slovacchia ha stabilito il ritmo della gara finale femminile e ha guidato la corsa fino alla parte a piedi. Poi l’azzurra Giulia Murada l’ha superata e ha gestito perfettamente l’ultima parte della salita. Aveva un buon distacco per la discesa ma è caduta negli ultimi metri e si è giocata la vittoria. Célia Perillat-Pessey è stata la prima a tagliare il traguardo con grande emozione. È stata la prima vittoria in Coppa del Mondo per la 25enne francese.

Non ci credo, per me è un sogno che si avvera! Ero in seconda posizione in discesa, ma poi ho visto la caduta di Giulia Murada, che è stata incredibile. Ho tagliato il traguardo da vincitrice, è qualcosa di speciale. Sono così felice…” ha detto Perillat-Pessey, che ha condiviso il podio con la sua connazionale Léna Bonnel (terza) e Marianna Jagerčíková (seconda).

Dopo le due gare sprint, Perillat-Pessey è la leader della classifica generale, e vorrà confermare la sua forma migliore nella gara individuale di domenica.

Anche la finale maschile è stata una battaglia emozionante. Nella seconda parte della salita, Thibault Anselmet ha recuperato il vantaggio di Arno Lietha, ma poi ha avuto un problema con le pelli ed è finito fuori dal podio. Nicolò Ernesto Canclini ha avuto un problema simile, ma è riuscito a controllare la situazione per finire al terzo posto.

Arno Lietha ha guidato dall’inizio alla fine e ha vinto con un enorme distacco. “Non mi sentivo molto bene, non come a Val Thorens. Quindi sono più che soddisfatto di questa vittoria”, ha affermato.

Ultimo ma non meno importante, la gara di venerdì è stata interessante non solo per i vincitori. Uno degli atleti cinesi che esordivano sul circuito sprint è caduto sul trampolino durante la ricognizione prima della partenza. Di conseguenza ha rotto gli sci e, se la squadra spagnola non lo avesse aiutato, probabilmente non sarebbe riuscito a partire. Ciò ha dimostrato che, soprattutto, c’è fair play anche tra Paesi diversi.

Ulteriori informazioni e classifiche complete:  www.ismf-ski.org

In copertina: Célia Perillat-Pessey, foto ISMF.

MR. Fonte e immagini ISMF

Condividi: