CLIMBSTHENICS - ALLENAMENTO AL TOP: LA TRAZIONE IN FRONT LEVER - Up-Climbing

CLIMBSTHENICS – ALLENAMENTO AL TOP: LA TRAZIONE IN FRONT LEVER

Secondo appuntamento con Gianluca Furiozzi e le skill calisteniche per l’arrampicata

Dopo il primo articolo dedicato alla croce agli anelli, l’autore del manuale “Climbsthenics – Calisthenics per climber. Basi, propedeutiche, skill” ci presenta una nuova sfida, la trazione in front lever!

***

La Trazione in Front Lever (FLPU) è considerata la regina delle skills in tirata, molto diffusa, provata e allenata nella scena del Calisthenics si è imposta come una delle principali esecuzioni nelle gare.

In particolare l’ambiente italiano sfoggia due grandi atleti, entrambi di Milano, Manuel Caruso (Campione del mondo Calisthenics Skills) e Alessandro Conti forse più accademico ma sempre di riferimento mondiale.

Il fuoriclasse milanese Alessandro Conti durante un Workshop di Climbsthenics

Eseguire questa Skill significa mantenere un’Isometria di per se’ già piuttosto impegnativa, quindi il Front Lever, unitamente a una progressione Isotonica, ovvero la Trazione.

Le due qualità unite in un singolo set determinano un’espressione di Forza ed Esplosività di altissimo livello, logicamente il tutto deve essere eseguito in modo “clean“ per essere valido, quindi la linea del Front deve rimanere perfettamente orizzontale per tutto il corpo e a livello di leve si dovrà chiudere la pullata in “touch“ portando l’addome a toccare l’attrezzo (sbarra o anelli ).

Per ottenere questa Skill estremamente allenante le Propedeutiche da seguire e monitorare in progressione sono uno step fondamentale; molti dei nostri allievi pur avendo un livello dignitoso di tenuta in Front e di trazioni zavorrate, una volta che dal Front devono eseguire la trazione orizzontali trovano enormi difficoltà; si tratta della mancata attivazione in sinergia di tutte le catene cinetiche utili all’azione IN SENSO ESPLOSIVO.

In realtà anche solo allenare le Propedeutiche e i requisiti fisici di base per il FLPU rappresentano per un climber un grande salto di qualità: oggi si vede qualche video di climbers in questa Skill, ma onestamente e in sincerità per farla così male e in modo cosi improvvisato e potenzialmente lesionante è nettamente meglio non farla.

Le Skills per essere eseguite bene richiedono tempo e perfezione dell’esecuzione; per essere allenanti ed efficaci dobbiamo come prima cosa condizionarci perfettamente quindi proteggere muscoli e articolazioni.

Secondo il nostro parere, almeno la sezione riguardante prerequisiti e parte fisica, dovrebbe essere l’ ABC di chiunque si allena per l’arrampicata, a prescindere dal livello; ad oggi ancora non abbiamo visto un solo allenatore proporre o spiegare questa Skill fondamentale per crescere nella forza e in altre qualità.

Naturalmente per ottenere i massimi benefici bisogna compensare lo sforzo della tirata con la spinta, un’altra regola universale dell’allenamento ben poco conosciuta nella scena Climb.

Come condimento finale non bisogna dimenticare mobilità e flessibilità senza le quali accorcieremo sempre più il ROM (range of movements) andando in scompensazione e quindi aprirci la stada verso numerosi appuntamenti con il fisioterapista.

Quindi: propedeutiche tecniche e fisiche con monitoraggio e standardizzazione, streching e mobilita’ sono gli steps da seguire, non avventuratevi in modo improvvisato e per emulazione verso questa Skill perchè, come si dice in gergo Calisthenico, vi aprite come delle cozze gratinate!

Nei nostri numeri di Skills Project n.1 (link) e n.2 (link) troverete tutte le informazioni, mentre sul Manuale Climbsthenics Skills for Climbers tutte le propedeutiche per il Front Lever.

A presto e buon Allenamento!

Gianluca Furiozzi

PS: per una trattazione estesa dell’applicazione del Calisthenics all’arrampicata si veda il manuale “Climbsthenics – Calisthenics per climber. Basi, propedeutiche, skill” – Ed. Versante Sud

Condividi: