LUCA BERTACCO E LEO BOE DA 8C FLASH - Up-Climbing

LUCA BERTACCO E LEO BOE DA 8C FLASH

 ONE SHOT ONE KILL IN SPAGNA

Luca Bertacco sale La Charca y La Rana (8c) in stile flash e Leo Boe riesce su Directa Jabali (8c) al primo tentativo.

All’interno del mondo dell’arrampicata ci sono regole non scritte che sono però davvero preziose e possono dare più o meno valore ad alcune salite. Esercitare un qualsiasi tipo di controllo sulle salite è quasi impossibile, cercare di controllare le modalità di una salita e impensabile. Ma cosa si intende con modalità di salita? Lavorato, flash o a vista. La scalata ‘lavorata” è quella che prevede il cantiere su un tiro. Tutte le grandi salute che hanno svoltato le epoche sono state fatte in questo stile, che prevede dei tentativi di processo prima del tentativo in libera. Pochi eletti hanno la capacità di scalare vicino al loro massimo grado anche senza precedenti tentativi, da qui arrivano gli altri due stili. Lo stile a vista prevede che lo scalatore salga il tiro al primo giro, senza conoscere nulla riguardo ai movimenti (no foto, no video, no informazioni…); la via più dura salita a vista fino ad ora è di grado 9a, solo Adam Ondra ed Alex Megos sono riusciti nell’impresa. Lo stile flash, infine, è quello che concede le informazioni al primo tentativo. La via salita flash è perciò salita al primo giro, però con più o meno informazioni riguardanti la salita (video, foto, spiegazioni…); per ora, Adam Ondra è il solo ed unico ad aver salito un 9a+ in stile flash. 

Queste precisazioni sono doverose per poter soppesare performance e performer, che spesso tralasciano l’etica in favore della notizia. Nella falesia di Mula, in Spagna, il giovane Luca Bertacco si è aggiudicato la salita flash di La Charca y La Rana, un tiro di 8c. Dopo il giro di perlustrazione dell’amico Alex Ventajas, altro fortissimo scalatore, Luca è partito sul tiro. Con un bella lotta ed una buona dose di improvvisazione sulla sezione centrale, Luca ha affrontato e conquistato tutte e tre le sezioni chiave della via, salendo il suo primo 8c in stile flash. Raccontando la salita, ha precisato che gran parte dei movimenti gli erano stati spiegati, e, nonostante sulla sezione chiave abbia dovuto improvvisare, ha tranquillamente dichiarato il flash. Un bell’esempio di etica oltre ad una grande performance!

Sempre in Spagna, nella falesia di Siurana, Leo Boe ha vissuto un “no fall day”, un giorno in cui non è mai caduto. Dopo aver salito flash Negociée (8b), Leo è partito su Directa Jabali, 8c. Inaspettatamente ha conquistato la catena flash. Subito gli amici hanno gridato alla gioia per l’8 flash, ma Leo ha subito ridimensionato gli animi. Sui suoi social, ha spiegato i tre motivi per cui non può contare come flash: “Condivide i primi tre spit con Negociée (intorno al 7b);  La via utilizza 3 prese uguali sulla placca superiore; Vorrei essere una buona immagine per gli altri scalatori, seguendo le nostre regole e linee guida etiche”. Nonostante sia una realizzazione “quasi flash”, il quasi non conta e va indirizzata come primo tentativo. Leo si dimostra ancora una volta più che maturo e pronto a trainare ed ispirare le nuove generazioni, che vedono in lui un punto di riferimento per l’outdoor.

Fonte Luca Bertacco e Leo Boe

Alessandro Palma

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Leo Ketil Bøe (@leo.boe)

Condividi: