Crollo sulla Marmolada - Up-Climbing

Crollo sulla Marmolada

Ieri, 3 luglio 2022, alle 13:45, un imponente crollo si è prodotto presso la calotta sommitale del Ghiacciaio della Marmolada sottostante la Punta Rocca.

Il grande distacco ha provocato una valanga di ghiaccio, neve e roccia che si è abbattuta sui pendii sovrastanti il Pian dei Fiacconi. Lì si trovavano numerosi alpinisti impegnati nell’ascensione della via normale alla Punta Penia.

Al momento il bilancio delle vittime è di sei morti, otto feriti e diciannove dispersi. Diciotto persone sono state evacuate dalle cime di Punta Rocca e Punta Penia e l’intera zona è interdetta al pubblico. Sono infatti in corso accertamenti sull’instabilità del ghiacciaio e su potenziali ulteriori distacchi. Nel frattempo continuano le ricerche dei dispersi. Per segnalare il mancato rientro di amici e familiari da possibili escursioni durante la giornata di ieri sul ghiacciaio della Marmolada chiamare il +39 0461 495272 (non utilizzare questo numero per informazioni generali).

È significativo ricordare che già il giorno prima del disastro, sabato 2 luglio, sulla Marmolada è stato registrato un record di temperatura con circa 10° in vetta. Le ripetute ondate di calore che si sono abbattute sulle Alpi già dal mese di maggio, unite all’eccezionale mancanza di copertura nevosa, hanno fortemente destabilizzato i ghiacciai. Specialmente alle quote inferiori, tenendo conto che l’isoterma di zero gradi si trova sempre più spesso oltre i 4000 metri, l’acqua di fusione scorre sempre più abbondante alla base dei ghiacciai e nei crepacci, favorendo scivolamenti e distacchi come quello catastrofico che si è verificato in Marmolada.

 

MR. Fonti ANSA, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – CNSAS
Immagini tratta dalla pagina facebook CNSAS Veneto. Per i diritti fotografici si prega di scrivere a info@up-climbing.com
Condividi: