DISTRUTTO IL BIVACCO DE LA FOURCHE - Up-Climbing

DISTRUTTO IL BIVACCO DE LA FOURCHE

Una frana trascina a valle lo storico Alberico-Borgna del CAAI

Nella notte tra mercoledì 24 e giovedì 25 agosto una frana ha trascinato a valle e distrutto il Bivacco de la Fourche.

Lo storico bivacco del Club Alpino Accademico Italiano (CAAI), costruito nel 1935 e sostituito più recentemente nel 1985, si trovava a ca. 3675 metri di quota nei pressi del Col de la Fourche, lungo la cresta di confine chiamata Arête de la Brenva.

Non è la prima volta che la lunga Arête de la Brenva, che separa i bacini del Glacier du Géant (Francia) e del Glacier de la Brenva (Italia), dà segni di instabilità.

Già nel 2018 una frana, prodottasi un poco più a monte del bivacco, aveva imposto una variazione sul percorso della celebre Cresta Kuffner, che in origine partiva proprio dal Bivacco Alberico-Borgna e seguiva nella sua parte iniziale la sezione orizzontale dell’Arête de la Brenva.

Il crollo che ha coinvolto il basamento roccioso sul quale si trovava il bivacco è stato notato ieri da un pilota in elicottero privato. Le macerie e i resti del bivacco erano evidenti sul sottostante plateau del Glacier de la Brenva.

Il Soccorso Alpino Valdostano ha effettuato a sua volta un sorvolo per escludere il coinvolgimento di persone.

Nessun alpinista è stato vittima del disastro: il Bivacco della Fourche infatti non era frequentato attualmente, perché le condizioni estremamente secche della montagna non sono favorevoli al tipo di itinerari che si svolgono in zona.

In copertina: Monte Bianco, versante Brenva. Foto Heulwen Lewis-unsplash.

MR. Fonte aostasera.it.

Condividi: