Matteo Bernasconi al Pizzo Badile: Effimera, il sogno - Up-Climbing

Matteo Bernasconi al Pizzo Badile: Effimera, il sogno

La parete NE del Pizzo Badile, oltre a far parte della storia dell’alpinismo mondiale, ha un valore simbolico per i Ragni di Lecco: la storica prima salita è stata realizzata da parte di tre celebri membri di questo gruppo ossia Riccardo Cassin, Vittorio Ratti e Gino Esposito. Mario Molteni e Giuseppe Valsecchi, alpinisti comaschi che si erano uniti al terzetto dei Ragni, sono tragicamente deceduti in discesa per sfinimento.
Il Ragno Matteo Bernasconi insegue il suo sogno di aprire una nuova linea invernale sulla parete NE. Dopo 12 tentativi dal 2005, poche settimane fa Matteo ha scelto Luca Schiera e Giuliano Bordoni in qualità di partner e Riky Felderer come alpinista-fotografo per salire con loro. Purtroppo le condizioni proibitive hanno costretto il gruppo ad  abbandonare l’impresa. Per ora Effimera rimane un sogno.
Un’altra grande visione di Matteo è stata la Torre Egger per la Parete Ovest; un progetto inseguito per tre anni e che solo all’ultimo, per un impegno di lavoro, non lo ha visto in cima insieme a Matteo Della Bordella e Luca Schiera.
 
 

Condividi: