Golden Gate “quasi” on sight per Ueli Steck - Up-Climbing

Golden Gate “quasi” on sight per Ueli Steck

 
 
 
Ueli Steck, in vacanza negli USA con la moglie Nicole, ha fatto tappa a Yosemite, in California, dove si è ingaggiato nella salita della via  dei fratelli Huber.
Golden Gate, 41 tiri di corda con molti in comune a Salathé e El Corazon è molto sostenuta con una lunghezza di 8a, 2 7c+ e 5 tra 7b e 7c.
 
La coppia elvetica ha passato 4 giorni in parete, Nicole assicurando e risalendo le corde e Ueli scalando nello stile più pulito. E’ andato tutto in modo fantastico e se non lo avesse tradito un fessurino bagnato (6c+) poco sopra El Cap Spire, il nostro si sarebbe aggiudicato il percorso a vista della via.
 
Non male per questo polivalente atleta dell’estremo che passa con disinvoltura dalle vie nuove in Himalaya ai record di velocità sulle nord di riferimento delle Alpi alle vie di roccia superdifficili sull’Eiger. L’on sight di Golden Gate non è ancora riuscita a nessuno, nemmeno agli specialisti locali come Tommy Caldwell che nel 2007 l’ha scalata in sole 20 ore con due voli.
 
“Per me era un sogno scalare El Cap in libera… E’ stata una sfortuna cadere in un tiro così facile, però d’altro canto sono molto contento per aver scalato la via in questo stile senza averla tentata prima. E’ stata una grande esperienza.” Così si è espresso Ueli dopo Golden Gate.


m.s.

 
Fonte: climbing.com

 

Condividi: