K2 invernale, prosegue l’assalto - Up-Climbing

K2 invernale, prosegue l’assalto

Prosegue l’assalto al K2 invernale in questi ultimi giorni dell’anno 2020.

Ieri, 30 dicembre Mingma Gyalje e la sua squadra interamente nepalese ha raggiunto quota 7000 metri. Con loro anche Nirmal Purja e Mingma Tenzi.

«Oggi abbiamo attrezzato la via fino alla sezione ghiacciata sotto campo 3. Noi tre siamo stati raggiunti da Nirmal Purja e Mingma Tenzi a circa 7000 m. Grazie ai fratelli nepalesi e al loro cuore. Grazie a Dawa Sherpa per l’ottima comunicazione» scrive Mingma Gyalje.

Oggi il gruppo nepalese si trova al campo base, come pure la spedizione di John Snorri e Sadpara padre e figlio, rientrati dopo la salita al campo 2.

Anche la carovana di Seven Summits Treks ha raggiunto il campo base. Ieri Sergi Mingote e Juan Pablo Mohr hanno lasciato un deposito di materiale a quota 5134 m.

A questo punto non sarà facile seguire i movimenti e le strategie di tutti gli alpinisti attivi sulla montagna: alcuni si muovono in gruppo, altri in autonomia, come il polacco Waldemar Kowalewski e la cordata Tamara Lunger-Alex Gavan. In ogni caso i fattori chiave per la riuscita della prima invernale potrebbero essere la collaborazione tra le varie squadre e le condizioni meteo. Finora questo ultimo fattore è stato particolarmente favorevole.

Condividi: