Kondge Ri e Tengkanpoche - Up-Climbing

Kondge Ri e Tengkanpoche

Il team composto da François Cazzanelli, Emrik Favre, Francesco Ratti, Jerome Perruquet e Leonardo Gheza ha realizzato l’ascensione di due eleganti Seimila himalayani: Kondge Ri (6187 m) e Tengkanpoche (6487 m).

Dal 2 al 4 novembre i cinque alpinisti hanno aperto due nuove vie sulla parete nord del Kondge Ri e realizzato da lì la traversata in cresta fino al più alto Tengkanpoche.

«Una bella avventura vissuta tra le pareti e le creste dell’Himalaya. Una spedizione complicata dove abbiamo preso un sacco di legnate ma che alla fine ci ha regalato delle belle soddisfazioni. Con un gruppo di amici stupendo abbiamo aperto due vie nuove sulla parete nord del Kongde Ri per poi bivaccare sulla cresta sommitale» racconta François Cazzanelli.

Il primo giorno gli alpinisti si sono divisi in due gruppi e hanno scalato su due linee parallele. Leonardo Gheza e François Cazzanelli hanno aperto “Santarai”, AI5, R, M7, A2, 450 m. «Santarai è il nome del cuoco che ci ha coccolati per 21 giorni al campo base!».

Francesco Ratti, Emrik Favre e Jerome Perruquet hanno tracciato “Settebello”, AI5, M7, A2, 450 m.

I cinque si sono riuniti sulla cresta sommitale, a 5700 metri, dove hanno attrezzato il secondo bivacco. Il giorno successivo hanno dato inizio alla traversata di cresta.

«Il secondo giorno è stato il più soft, probabilmente perché siamo passati di colpo da non vedere il sole ad avercelo per tutto il giorno! In questa giornata abbiamo traversato tutta la cresta del Kongde Ri fino ai piedi della cresta est del Tengkanpoche dove abbiamo bivacco a circa 6.000 m».

Il terzo giorno François Cazzanelli, Emrik Favre, Francesco Ratti, Jerome Perruquet e Leonardo Gheza hanno raggiunto la cima principale con un’arrampicata emozionante.

«La cresta est del Tengkanpoche è molto affilata e per arrivare in vetta abbiamo dovuto impegnarci parecchio! Anche la discesa non è stata semplice! Rituffarsi nell’’ombroso versante nord ci ha ricordato che non bisogna mai abbassare la guardia!».

MR. Informazioni e immagini fornite da François Cazzanelli.

Condividi: