La vie de Guy Lacelle - Up-Climbing

La vie de Guy Lacelle

 
Il 10 dicembre dell’anno scorso – durante l’Arc’Teryx Bozeman Ice Fest, nello Hyalite Canyon, Montana, US – moriva travolto da una valanga il fuoriclasse canadese Guy Lacelle .
 
In questi giorni, proprio al Bozeman Ice Fest, è stato presentato in anteprima il film  di 17 minuti di Chris Alstrin che ripercorre la sua vita.  Ecco il trailer
 

Lacelle era nato a Hawksbury, nell’Ontario, nel 1955 e viveva in British Columbia dove lavorava come capo squadra nelle foreste in primavera e in estate, per poi dedicarsi totalmente al ghiaccio per il resto dell’anno. Nel 2004 aveva ricevuto il prestigioso Summit of Exellence Award; nello stesso anno aveva vinto Festiglace competition (Quebec) e per due anni – nel 2000 e nel 2001 – la gara dell’ Ouray festival in Colorado. 
 
 Il free-solo era una delle sue specialità e in questo stile aveva portato a termine dei veri capolavori, vie che scalate singolarmente e in cordata sono degli obiettivi di una carriera per ogni ice-climber, come la combinazione di Terminator/Sea of vapors e Replicant in sole 5 ore, Weeping Wall+Weeping Pillar/Polar circus in un solo giorno, French Maid, Curtain Call, Fearful Symmetry, La Pomme d’or (Quebec) e Hydnefossen (Norvegia).
 
 
Il film di Alstrin si può scaricare da questo sito  in HD a $3.99.
 
 
 

Condividi: