Paciencia, 8a in libera per David Lama - Up-Climbing

Paciencia, 8a in libera per David Lama

 
 
il 21 e 22 agosto David Lama è riuscito in libera su “Paciencia”, via aperta nel 2003 da Stef Siegrist e Ueli Steck sulla parete Nord dell’Eiger.
Siegrist aveva intravisto la possibilità di una nuova e logica via mentre scalava “La Vida es Silbar” (Anker/Siegrist, 2000). Dopo essere tornati varie volte sulla loro via, tra  il 29 e il 30 agosto 2008 Ueli e Siegrist l’avevano liberata interamente scalando in alternata,  dopo aver provato tutti i tiri alcuni giorni prima, in una stagione caratterizzata da tempo molto instabile.
Questa la valutazione degli apritori: 6b/6a/6a+/7b/7c+/7a/8a/7a+/6c+/6b/6a/Bivacco
/7c+/7b+/7b/7a/6a+/7a/7b+/7a/6c+/6b/6b/6b).
 
Il 21 agosto è stata la volta del forte climber austriaco David Lama, accompagnato da Peter Ortner.
Lama ha provato a risolvere onsight il primo tiro difficile (7b secondo Stef e Ueli), ma è volato dopo pochi metri. Ha raggiunto la sosta, si è fatto calare e questa volta l’ha salito in libera, “ma” – dice – “questo tiro non è di 7b !”
 
Dopo un po’ di riposo ha attaccato il crux , che gli è riuscito al secondo tentativo. Ancora 200 metri "non così difficili" e i due hanno raggiunto il punto di bivacco sotto lo Czech Pillar verso le 16.00.
 
Il giorno successivo, dopo una notte freddissima, erano incerti se continuare, ma le buone condizioni meteo li hanno spinti ad andare avanti. Il primo tiro è un 7c + e il secondo un 7b +, ma Lama racconta di avere avuto difficoltà: “al primo tentativo non ce l’ho fatta e al secondo una presa ha ceduto” .
Al terzo tentativo è andata bene e i successivi 11 tiri, tutti impegnativi, sono filati via lisci da una sosta all’altra.
 
"Confrontando tutti gli itinerari che ho salito in questa stagione, credo che "Paciencia" sia il più difficile di tutti. Anche se il tiro più difficile è "solo" un 8a,  i 7b e 7c sembrano ancora più impegnativi.
 
Fonte e Photo: David Lama

Condividi: