Prima invernale di Capitan Sky-hook in Civetta - Up-Climbing

Prima invernale di Capitan Sky-hook in Civetta

 
 
 
 
Bella avventura per lo specialista della Civetta Alex Baù in compagnia di un altro grande scalatore dolomitico: la guida veronese Nicola Tondini. I due, Il 19 marzo hanno portato a termine la prima invernale e terza ripetizione di Capitan Sky-Hook.
 
Partiti alle 3 del mattino dal rifugio Coldai, hanno trovato neve sulla parte abbattuta (lo zoccolo) della parete, che li ha impegnati con piccozze e ramponi per 3 ore. Si sono quindi ingaggiati con scarpette e senza zaino,  sul grande muro dove corre la via inventata nel 1987 da Paolo Crippa e Dario Spreafico.
 
Sono 600 m, escluso lo zoccolo, con difficoltà di VII+ e A2, 7b+ in libera. La cordata ha superato brillantemente l’itinerario ed è giunta in cresta alle 18.30. Sono quindi scesi in corda doppia, anche perché hanno lasciato zaini e materiale da ghiaccio all’inizio del muro.
 
Tutto è filato liscio fino agli zaini, poi su terreno più articolato, una doppia si incastra e le operazioni per liberare la corda impegnano ancora i due per parecchio tempo, devono addirittura tagliare una corda.
 
Arrivano al Rifugio dopo 28 ore dalla partenza e finalmente possono rilassarsi. Prima di loro solo la cordata dei locali Renato Pancera e Mauro Valmassoi era riuscita a completare in un sol giorno nel dicembre 1988 la prima invernale del  diedro Philipp-Flamm.
 
News di Alex Baù in Civetta
 
ms
Fonte: intraisass.it

Condividi: