Le sette salite del secolo - Up-Climbing

Le sette salite del secolo

La comunicazione web si è praticamente congelate nelle scorse settimane per le imprese di Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson sulla Dawn Wall. Una salita, quella su El Capitan, che entra di diritto e con prepotenza nelle più grandi salite di sempre, senza dubbio, almeno per ciò che riguarda le big wall. Climbing.com tuttavia, pone l’attenzione su un aspetto, ossia come non si possa affermare che è "la" salita del secolo (come certe testate generaliste hanno riportato) poiché al suo interno l’arrampicata è troppo differenziata. Se questo fatto lo diamo per scontato, è interessante esaminare le 7 imprese che hanno portato secondo Climbing uno sviluppo all’attività verticale introducendo una innovazione; facendo fare cioè un salto in avanti.
Questo è ciò che identifica la testata americana:
Mountauneering: l’impresa di Ueli Stect sull’Annapurna. Nell’ottobre del 2013, la “Swiss Machine” sale da solo l’immensa parete sud con un tempo da marziano di circa 28 ore. (vedi anche l’intervista per Uomini & Pareti e l’analisi di Rossano Libera).
Crack Climbing: Novembre 2011, Tom Randall e Pete Whittaker realizzano la prima salita della Century Crack nello Utah. Una via off width gradata 5.14b.
Sport Climbing: La Dura Dura, 9b+ ad Oliana, Spagna. Chiodata da Chris Sharma, che poi farà la prima ripetizione e liberata da Adam Ondra nel Febbraio 2013.
Ice Climbing: Spray On, una visionaria via di Tim Emmett e Will Gadd di WI10 sull’Helmcken Fall, Canada, salita integralmente nel Febbraio 2013. Gadd ha perfezionato qui la sua tecnica necessaria poi per salire le Cascate del Niagara.
Free Solo: le 23 lunghezze (5.12max) della Regular Northwest Face dell’Half Dome salita da Alex Honnold. 
Alpine: la salita di Hayden Kennedy e Jason Kruk da una parte e di David Lama dall’altra per la Via del Compressore sul Cerro Torre, la prima per il metodo usato “by fair means” e per la completa arrampicata libera il secondo. Inverno 2012.
Boulder: Dreamtime (Fred Nicole, 2000) e The Story of the Two Worlds (Dave Graham, 2005). Due linee a Cresciano, la prima data inizialmente 8c, è diventata famosa nel mondo al pari di Midnight Lightning e la seconda che p diventata il nuovo riferimento per il grado dopo la sua apertura.
fonte climbing.com
 
 
 

Condividi: