Silvia Vidal fa “Naufragi” sul Kailash Parbat - Up-Climbing

Silvia Vidal fa “Naufragi” sul Kailash Parbat

 
La spagnola Silvia Vidal, grande esperta di solitarie in artif su big wall, ha aperto sul Kailash Parbat – Kinnaur valley – Himachal Pradesh – India, una nuova via di 1050m con difficoltà di A4+/6a+.
 
Partita con la sola immagine della parete – di cui si è subito invaghita – trovata sul sito web dell’americano John Middendorf, e con la descrizione dell’accesso, la 40enne protagonista di tante scalate ha trovato pane per i suoi denti ovvero roccia ostica per i suoi sky-hook, portando a termine una sensazionale avventura verticale.
 
La sua vacanza in solitudine e in completa autonomia si è infatti protratta per ben 25 giorni, dal 15 agosto all’8 di settembre, durante i quali ha steso la sua tela di ragno sulla repulsiva muraglia, ingaggiando una lotta tenace contro il maltempo che ha avversato furiosamente la sua arrampicata.
 
Ha raccontato al suo ritorno di continue precipitazioni e basse temperature che le hanno fatto rischiare il congelamento – l’itinerario si sviluppa tra i 4200 e i 5250 metri. Oltre a ciò la Vidal ha detto, assai onestamente, di aver dovuto rinunciare ai suoi principi etici, scavando alcuni buchi nella roccia per fissare i ganci in un tratto di placca particolarmente monolitica. Nel complesso però le difficoltà più elevate sono nei tratti completamente naturali.
 
Una volta uscita dalla parete non ha raggiunto la cima del Kailash Parbat, non riuscendo nemmeno a vederla perché immersa nelle nebbie. Non poteva che battezzare questo suo viaggio Naufragi.
 
Fonte: Desnivel – Kairn

Condividi: