Tomaz Humar trovato morto - Up-Climbing

Tomaz Humar trovato morto

 
 
Purtroppo non è andato a buon fine il tentativo di salvare Tomaz Humar, il fortissimo alpinista sloveno, vittima lunedì scorso di un brutto incidente sulla parete nord del Langtang Lirung in Nepal.
 
Viki Groselj, portavoce della federazione slovena di alpinismo, ha fatto sapere che la squadra svizzera di soccorso dopo molte ricerche è riuscita a trovarlo a circa 5600m, ma per l’alpinista di Lubiana non c’era più nulla da fare.
 
Il suo ultimo contatto è stato con l’unica persona che lo attendeva al campo base, il cuoco, al quale aveva detto di trovarsi in una situazione critica in seguito ad una caduta. Ha anche aggiunto, come se presentisse il suo destino, che probabilmente quella era la sua ultima avventura.
 
Del resto da solo aveva affrontato le alte montagne della terra per strade ignote e da solo se n’è andato. Con Humar scompare non solo un alpinista di altissimo livello, ma un uomo di grande coerenza. Dopo il rocambolesco salvataggio di cui era stato oggetto nel 2005 sul selvaggio versante Rupal del Nanga Parbat (tentativo di nuova via) e la fantastica cavalcata solitaria sulla sud dell’Annapurna, sulle sue scalate era sceso un profondo silenzio. Era nato il 18 febbraio del 1969.
ms
 
Sito di Tomaz Humar
 
Prigioniero dei ghiacci
 
 

Condividi: