COPPA DEL MONDO: FOSSALI SFIORA IL PODIO - Up-Climbing

COPPA DEL MONDO: FOSSALI SFIORA IL PODIO

QUATTRO AZZURRI IN FINALE

Ludovico Fossali sfiora il podio nella prima prova di coppa del mondo speed, con altri tre azzurri in finale.

Dopo il grande successo di Camilla Moroni, che riporta una medaglia internazionale in Italia dopo decenni, gli sprinter della delegazione azzurra hanno fatto fuoco e fiamme durante la prima prova di coppa del mondo speed. Tra le file maschili e quelle femminili, l’Italia è approdata con ben quattro atleti nelle fasi finali, culminando poi con la performance di Ludovico Fossali che ha terminato ai piedi del podio. In linea generale, il livello italiano sta seguendo il trend internazionale nella sua vorticosa ascesa verso tempi impensabili un anno fa. Dopo i primi quattro secondi apparsi nel 2023, ora diversi atleti girano con margine sui quei tempi, rendendolo addirittura quasi necessario per assicurarsi una medaglia. Aleksandra Miroslaw (POL) ha confermato il suo PB con 6.24”, eguagliando il suo precedente record del mondo. Samuel Watson (USA) ha fissato il nuovo record del mondo sotto il quattro ed ottanta, fermando il cronometro a 4.70″; la cosa più impressionante però è che non è praticamente mai salito sopra i cinque secondi, una gara da campione assoluto.

Aleksandra Miroslaw (POL), sebbene non abbia brillato in qualifica, è avanzata inesorabilmente verso la finale ed ha conquistato l’ennesima medaglia d’oro alla sua novantanovesima partecipazione nel massimo circuito. Alle sue spalle, la connazionale Natalia Kalucka (POL) si è portata a casa un’altra medaglia d’argento, mentre Jimin Jeong (KOR) ha concluso il podio, interrompendo l’egemonia polacca. L’azzurra Giulia Randi ha conquistato il pass per la finale, terminando la sua gara ai quarti e precedendo di poco la connazionale Beatrice Colli, uscita agli ottavi. 

In campo maschile, il recordman mondiale Samuel Watson (USA) ha dovuto cedere il passo all’eroe di casa Peng Wu (CHN), che conquista l’oro con il tempo di 4.91”. Kiromal Katibin (INA) è il primo dell’armata indonesiana ed ha battuto sul filo del rasoio il capitano azzurro Ludovico Fossali, che conclude al quarto posto con un ottimo 5.16”. Il campione del mondo in carica Matteo Zurloni si conferma uno degli atleti di riferimento nel panorama internazionale ma, nonostante l’ottimo 5.02”, esce ai quarti nello scontro diretto con Katibin. Ventinovesimo posto per Luca Robbiati, trentatreesimo Gian Luca Zodda e trentanovesimo Alessandro Boulos.

Fonte e cortesia foto IFSC

Alessandro Palma

Condividi: