STRANDA FJORD TRAIL RACE 2022 - Up-Climbing

STRANDA FJORD TRAIL RACE 2022

Jonathan Albon e Sophia Laukli vincono la tappa più tecnica della Golden Trail World Series

Annunciata come la gara più tecnica della Golden Trail World Series 2022, la Stranda Fjord Trail Race, svoltasi sabato 6 agosto, ha mantenuto tutte le sue promesse: pioggia, temperature gelide, salite ripide, discese pietrose, fango… insomma, una vera trappola da cui Jonathan Albon e Sophia Laukli sono usciti vincitori!

Aveva già vinto la Marathon du Mont-Blanc, lo ha appena fatto di nuovo con una seconda vittoria sul suo terreno preferito. Jonathan Albon (Team The North Face, Gran Bretagna) sembrava intoccabile sabato, avendo vissuto in Norvegia per più di sette anni.

«È stato divertente, ho deciso di venire qui solo la scorsa settimana perché ho pensato che la gara era davvero vicino a casa e non potevo non andarci, soprattutto perché è la prima volta che la GTWS viene in Norvegia. La gara è davvero diversa da quella che trovi altrove in Europa, ci sono percorsi e tipologia del terreno completamente differenti. È stato interessante vedere i migliori atleti del mondo su questo tipo di terreno. Ho cercato di gestire la partenza che è stata molto veloce e poi sono tornato come previsto sulla parte tecnica. Non sono caduto, beh, non in discesa. Sono caduto in salita, il che è un po’ ironico… sono contento ed è vero che adesso sono in testa alla GTWS… Vado a farmi una doccia, a bere qualcosa e deciderò se andare a Sierre-Zinal la prossima settimana!».

Al secondo posto c’è un altro atleta specializzato in terreni accidentati: Manuel Merillas (Team Scarpa, Spagna).

«Ho iniziato troppo veloce e, anche se volevo tenere duro, ho preferito mollare per risparmiare le forze per la discesa. Lì ho iniziato a stare al passo con le persone. Ma una volta con Bart ho sofferto… Abbiamo fatto miglia a 2’40 min/km! Sono super felice di questo secondo posto dietro a Jon perché conosce questi terreni a memoria. Ora devo pensare se andrò a Zinal e negli Stati Uniti o meno per il resto della serie».

Completa il podio un altro grande specialista del terreno tecnico, Bart Przedwojewski (Team Salomon, Polonia).

«Che lotta! Che gara! Forse ho dato troppo in salita. In discesa Jon è stato molto forte nella prima parte poi sono caduto più volte, penso anche di essermi rotto il polso… Ma sono felice di essere tornato!».

Quarto Frédéric Tranchand (FRA – Scott) e quinto il nostro Davide Magnini (ITA – Salomon).

Al femminile trionfo di Sophia Laukli (Team Salomon, Stati Uniti). Membro della squadra olimpica di sci di fondo americana, aveva vinto alcune gare negli Stati Uniti, tra cui la famosa Broken Arrow. Ma chi avrebbe mai pensato che avrebbe potuto superare tanto brillantemente questa prova del GTWS, con tutte le sue discese tecniche? Eppure è stata proprio lei a tagliare il traguardo in prima posizione con oltre 2’30 di vantaggio su Élise Poncet (Team Sidas x Matryx, Francia).

«È stata sicuramente la gara più dura che abbia mai fatto nella mia vita», ha detto Sophia al traguardo. «Sapevo che le ragazze erano particolarmente forti nelle parti tecniche, quindi ho dato il massimo in salita. Alla fine ho resistito e sono molto contenta del risultato. Penso che andrò negli Stati Uniti e poi vedremo. La finale è molto vicina alla mia stagione sciistica, ma di sicuro se rimango in cima alla Serie a ottobre sarà difficile non andarci… Vedremo».

Dal canto suo, Élise Poncet ammette di aver scommesso sulle sue qualità tecniche per conquistare questo secondo posto.

«Sono un’atleta di montagna, ma quello che mi piace è la tecnica, ho dato il massimo in discesa. Sono così felice di questo secondo posto. Ora cercherò di fare del mio meglio nelle gare americane. So che questi non sono terreni adatti a me, ma a volte devi sapere come uscire dalla tua zona di comfort e fare cose diverse».

In terza posizione ritroviamo Emelie Forsberg (Team Nnormal, Svezia), molto solida su questi terreni che conosce bene.

«Wow, sono super felice di questo risultato. Dimostra che l’allenamento svolto in queste settimane sta dando i suoi frutti, anche se penso che se ci fosse stato qualche chilometro in più sarei esplosa completamente. Devo continuare ad allenarmi in questo modo, ma sicuramente questo terzo posto mi motiva più che mai!».

Il prossimo appuntamento con la Golden Trail World Series è la Sierre-Zinal, che si svolgerà tra pochi giorni in Svizzera. Una gara completamente diversa, con un profilo essenzialmente in salita e un terreno alpino facile da percorrere. Appuntamento il 13 agosto per la quarta tappa del GTWS!

Foto @GoldenTrailSeries | @Stranda Fjord Trail Race | @Jordi Saragossa

MR da comunicato stampa.

Condividi: