BON VOYAGE 9A TRAD PER ADAM ONDRA - Up-Climbing

BON VOYAGE 9A TRAD PER ADAM ONDRA

IL CECO SI ESPRIME SUL TRAD AD ANNOT

Adam Ondra ha effettuato la prima ripetizione di Bon Voyage, il tiro di Pearson gradato 9a ad Annot.

Il fuoriclasse ceco Adam Ondra si conferma il miglior climber della storia, l’unico ad aver raggiunto il massimo livello del suo tempo su qualsiasi sfumatura dell’arrampicata. Dopo la falesia ed il boulder, dopo le competizioni culminate con l’Olimpiade, dopo l’aver toccato l’apice sulle grandi pareti ripetendo la Down Wall, Ondra si è messo in gioco su di uno stile lontano da quello che è il suo background, decisamente improntato alla “sportività”. Dall’attrazione per le nuove sfide che Adam esprime nelle sue performance intorno al globo, si evince una sconfinata passione ed un forte innamoramento per il gesto verticale, che non si limita al mero rincorrere un grado quanto più a sperimentare le moltitudini di sfumature di forma che l’arrampicata vanta. Se poi ci sia aggiunge il fatto che Ondra riesce a toccare l’apice in ogni cosa che fa, possiamo senza dubbio definirlo il Re Mida dell’arrampicata.

Recatosi nella zona di Annot, posto magnifico per una vacanza in famiglia, Adam si è concentrato su un progetto fuori dalla sua zona di comfort: il trad estremo. Proprio qui  il fuoriclasse James Pearson aveva liberato un tiro che è entrato all’istante negli annali di arrampicata. A febbraio 2023, James compiva in libera la salita di Bon Voyage, una delle vie più dure del suo curriculum, senza esprimersi sul grado. A quasi un anno di distanza, nel gennaio 2024, Pearson si è poi esposto, proponendo l’E12, un grado inglese che corrisponde all’incirca al 9a. A partire dal febbraio 2023, diversi top climber hanno tentato la via; molti di loro sono riusciti sulla parente meno estrema, Voyage(Berthe anche flash), ma nessuno si è mai aggiudicato la prima ripetizione di Bon Voyage. A metà febbraio 2024 però le cose son cambiate.

Sono molto felice e orgoglioso di aver effettuato la seconda salita di questo capolavoro di James Pearson. Non che io sia un esperto di arrampicata tradizionale, ma potrebbe essere (fisicamente) la via più difficile al mondo sul genere trad. Mi ci sono voluti 3 giorni di lavoro e ho dovuto davvero lottare. La via è sembrata impegnativa in molti modi diversi e, oltre ad essere molto impegnativa (ma probabilmente abbastanza sicura), presenta alcuni movimenti molto difficili (e strani!) in cui devi davvero essere uno scalatore smaliziato. È senza dubbio una delle vie migliori che abbia mai scalato, ed è un vero miracolo che ci siano abbastanza appigli per renderla arrampicabile e abbastanza attrezzatura per renderla piccante, ma sicura. Dal punto di vista dei gradi, penso che se fosse chiodato, sarebbe un 9a molto solido e specifico. Dover posizionare le protezioni la rende un po’ più difficile fisicamente e aggiunge un po’ di pepe in più!

In appena tre giorni di tentativi, il ceco si è aggiudicato la prima ripetizione, confermandosi uno degli atleti più duttili del panorama mondiale. Dal boulder alla bigwall, Adam ha raggiunto la vetta delle difficoltà in ogni sfumatura, arrivando anche al 9a trad. Prima di lui pochissimi atleti erano riusciti ad essere estremamente polivalenti, uno su tutti Yuji Hirayama. Nessuno però è mai arrivato al padroneggiare così tanti stili ad un livello estremamente alto. Con la salita di Bon Voyage, Ondra fuga ogni dubbio sul grado e si aggiudica un altro grande record, sia personale che globale. A quando su Tribe?

Fonte Adam Ondra

Alessandro Palma 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Adam Ondra (@adam.ondra)

Condividi: