Aiutateci a salvare le nostre ragazze e a dare loro un futuro - Up-Climbing

Aiutateci a salvare le nostre ragazze e a dare loro un futuro

“Aiutateci a salvare le nostre ragazze e a dare loro un futuro”: è questo l’appello lanciato dall’associazione Ascend Athletics dopo il ritorno al potere dei talebani in Afghanistan.

Il team di Ascend: Leadership Through Athletics è attivo dal 2014 in Afghanistan allo scopo di aiutare le giovani donne a rendersi indipendenti, acquisire sicurezza e capacità di leadership attraverso lo sport e in particolare l’alpinismo.

Gli eventi recenti in Afghanistan, con la presa di Kabul da parte dei talebani, espongono a un forte pericolo le donne afgane, specialmente quelle che negli anni passati si sono distinte come attiviste per i diritti umani.

Per il momento, come si legge sui social network di Ascend, le ragazze che hanno preso parte al progetto si nascondono presso le proprie case. La situazione è in costante evoluzione, ma la sensazione dominante è il terrore. Il messaggio di una delle ragazze che hanno preso parte al programma di Ascend rende bene l’atmosfera attuale:

«I talebani non ci permetteranno mai di fare sport, essendo ragazze. Negli ultimi anni hanno ucciso noi donne afghane, assassinato attivisti per i diritti civili, giornalisti e studenti. La tirannia e la guerra sono nel loro sangue. Sono un gruppo terroristico e il mondo non deve credere alle loro dichiarazioni ingannevoli».

Ascend Athletics è al lavoro per tentare di evacuare le donne che si trovano in grave pericolo a causa della loro posizione di attiviste. L’associazione intende utilizzare le donazioni (vedere qui) per favorire l’espatrio delle ragazze, raccogliendo fondi per visti e costi di viaggio.

Nonostante questo è probabile che gran parte delle donne che lavorano con Ascend siano costrette a rimanere in Afghanistan e l’associazione stessa dovrà probabilmente lavorare “nell’ombra”. In ogni caso è importante che questa rete possa sopravvivere e mandare il suo messaggio fuori dal paese, nella speranza che la solidarietà degli sportivi di tutto il mondo possa essere d’aiuto.

MR. Fonti: ascendathletics.org e climbing.com.

Condividi: