Diretta del Silenzio, 200 m, M5, V-, 80° - Up-Climbing

Diretta del Silenzio, 200 m, M5, V-, 80°

Il 15 gennaio 2022 Matthias Stefani ha aperto in solitaria, autoassicurandosi, la Diretta del Silenzio alla Guglia Berti (Piccole Dolomiti).

La Diretta del Silenzio è un itinerario alpinistico invernale che supera con linea retta la parete ovest della Guglia Berti, seguendo con logica una serie di fessure, goulottes e camini ghiacciati con numerosi tratti di misto. Metà dell’ultima lunghezza è probabilmente in comune con la dimenticata via Pasetti-Fracasso del 1932.

La valutazione della difficoltà si riferisce alle condizioni piuttosto secche riscontrate in apertura. Con buon innevamento e con ghiaccio alcuni tratti sono probabilmente meno impegnativi.

 

Piccole Dolomiti, Prealpi Venete (Veneto)
Guglia Berti 1925 m, parete ovest
Diretta del Silenzio
Matthias Stefani, 15 gennaio 2022
200 m ca., M5, V-, 80°

 

Materiale. Classico da ghiaccio e misto, una serie di friends (dalla misura 0,3 alla 3 BD), una piccola scelta di chiodi. Qualche vite corta utile nel caso in cui ci fosse ghiaccio in L2.

Accesso. Raggiungere il Passo di Campogrosso e parcheggiare nei pressi del rifugio omonimo. Prendere il sentiero n. 157 che traversa in falsopiano il Giaron della Scala, passando al cospetto della parete nord della Guglia Berti. In prossimità della guglia abbandonare il sentiero e risalire il Pra’ degli Angeli portandosi alla base della parete ovest. L’attacco si trova poco dopo il grande solco che divide la guglia dal suo avancorpo nord-occidentale (chiodo giallo con cordone). 50’-60’ ca. 

Relazione. Vedere schema pubblicato sopra.

Discesa. Con una prima calata da 35 m si arriva a un grosso masso/spuntone nei pressi della penultima sosta. Una seconda calata in in diagonale verso sud, da attrezzare sul grosso masso/spuntone, conduce a un nevaio inclinato. Traversare orizzontalmente verso sud (attenzione, esposto) fino a un ripido camino nevoso che riconduce al Pra’ degli Angeli e all’attacco.

 

Informazioni e immagini fornite da Matthias Stefani.

Condividi: