Solitaria femminile sulla nord dell’Eiger - Up-Climbing

Solitaria femminile sulla nord dell’Eiger

Il 25 marzo 2022 Laura Tiefenthaler ha realizzato una rara solitaria femminile sulla parete nord dell’Eiger.

L’alpinista austriaca è salita per la via Heckmair, da lei già percorsa l’8 marzo in compagnia della tedesca Jana Möhrer. La salita solitaria, come anche quella fatta in cordata due settimane prima, si è conclusa in giornata.

Laura ha fatto una “falsa partenza” il giorno 24. «Il 24 il mio stato mentale non era al meglio, e sono riuscita a prendere la via sbagliata, perdendo 2 ore, quindi mi sono ritirata, per tornare eventualmente il giorno successivo», racconta su Instagram. Dopo essere tornata alla stazione ferroviaria che si trova ai piedi della parete, l’alpinista austriaca ha passato un pomeriggio a rilassarsi e riflettere, individuando le priorità: «La prima regola era scendere in sicurezza, la seconda divertirmi, non viverla come un esame, ma piuttosto andarci con curiosità».

Il 25 marzo Laura è partita all’una di notte: «Mi sentivo bene. I dubbi erano magicamente svaniti. Con la curiosità come motivazione principale e sapendo che fino ad un certo punto sarebbe stato possibile scendere, mi sono sentita sicura di andare in esplorazione. Mentre salivo la mia sicurezza aumentava. Ho salito in autosicura tutti i tiri difficili e alcuni tratti brevi. Quando ho raggiunto il Traverso degli Dei alle 10 del mattino, ho capito che il tempo era dalla mia parte. Ho rallentato, dando la priorità alla sicurezza rispetto alla velocità, e sono uscita alle 16:00, superando le mie aspettative».

La prima solitaria femminile sulla via Heckmair è stata fatta da Catherine Destivelle nel marzo 1992. L’anno successivo Alison Hargreaves affrontò da sola la via Lauper in parete nord-est. Sempre sulla Lauper salì Evelyne Binsack nel 1994.

Dopo quella di Destivelle non sono note altre ascensioni femminili in solitaria della via Heckmair. Laura Tiefenthaler potrebbe quindi aver realizzato la seconda solitaria femminile.

 

MR da social network Laura Tiefenthaler.

Condividi: