HOT LINES: MARTIN, MCCONNELL E MULLER DA 9A - Up-Climbing

HOT LINES: MARTIN, MCCONNELL E MULLER DA 9A

GLI ULTIMI TIRI ESTREMI TRA SPAGNA E SVIZZERA

Mackenzie Martin si aggiudica The Journey (9a+), Doug McConnell sale Fabela pa la enmienda (9a) e Marco Muller ripete L’isola che non c’è (9a).

Mentre la star americana Kai Lightner fa indigestione di 9a a Santa Linya, gli altri top climber non stanno di certo con le mani in mano. Mentre Kai è giovanissimo, Doug McConnell ha già passato i fatidici quaranta, ma questa sembra non essere una scusa per il fortissimo climber australiano. Doug infatti ha salito il primo 8c+ a quarant’anni, mentre per il primo 9a… Ha dovuto attendere i 42! A Santa Linya, l’Aussie si è aggiudicato Fabela pa la enmienda, la classica kingline della zona. Per riuscire nella sua impresa, Doug ha condotto una battaglia di oltre quaranta minuti, un vero guerriero!

Sempre in Spagna, più precisamente a Margalef, il climber-coach inglese Mackenzie Martin, in arte Buster, si è aggiudicato la ripetizione della ostica via The Journey, un tiro caratterizzato da sezioni estreme su monoditi che vale il grado di 9a+. Dopo il processo che l’ha portato alla salita di questa via, Buster si è espresso decisamente a favore del grado, definendolo un tiro “benchmark”. Per non farsi mancare nulla, il londinese si è anche sparato un meraviglioso giro flash su Victimes del presente, una via che si attesta come il suo secondo 8b+ sullo stile! Come dicono in america “two make it true”!

Nel cuore della Svizzera invece, nella cava di Amden, Marco Muller si è messo alla prova su un classico poco ripetuto, aperto parecchi anni fa dalla living legend Fred Nicole. La via in questione è una via di mezzo tra bouldering e falesia, si compone di una prima parte decisamente estrema con partenza sit start. Questa prima sezione, che viene scalata protetta da crash pad, si aggira intorno all’8B+ e si dirige verso la seconda parte, più facile. Terminata questa, ci sono ancora un boulder e poi un’agile scalata verso l’uscita della grotta. Il mix letale di questi ingredienti fa volare il grado a 9a. In tutti questi anni, L’isola che non c’è ha visto solo tre ripetizioni: David Firnenburg nel 2018, Christof Rauch nel 2022 ed ora Marco Muller.

Fonte pagina instagram degli scalatori

Alessandro Palma

Condividi: